ARCHIVIO DIGITALE

QUANTO DURANO I SUPPORTI?

espandi
Quanto durano i nostri documenti?

Siamo abituati da qualche anno a fare sempre più affidamento sul computer e gli altri strumenti dell'era digitale (tablet, videocamere digitali, smartphone...) per archiviare e custodire i nostri dati.

Ma quanto durano i supporti digitali?

Le tabelle ce lo mostrano:

espandi
Durata dei principali supporti documentari (pietra inclusa)
espandi
Durata dei principali supporti documentari attualmente diffusi

Solo i documenti dell'era digitale (registrazioni, filmati...) possono raccogliere l'esperienza dei beni culturali immateriali.

Ma perché questi documenti durino nel tempo, non basta acquistare qualche centinaio di DVD!

Il progetto di maraèa - archivio digitale di Valle Camonica è anche questo: raccogliere e curare le memorie più fragili della nostra terra, quelle legate alle persone e fare in modo che rimangano accessibili anche in futuro (quando saranno sempre più preziose).

pubblicato il 31 Ottobre 2014

Inserisci un commento

Nessun commento

Terra, persone, mestieri (24 ottobre 2014)

TERRA, PERSONE, MESTIERI

Ivan Faiferri

espandi

  

Venerdì 24 ottobre, dalle ore 17.00, "Terra, persone e mestieri nell'archivio digitale di Valle Camonica".

  

Un incontro-laboratorio sui documenti digitali.

  

I volti e le voci dei protagonisti
Proiezione di filmati e registrazioni custoditi in archivio: interviste e racconti sui mestieri del passato, direttamente da chi li ha praticati.


 
E inoltre:


 
Interroga l'archivio in prima persona!
Durante l'evento saranno disponibili delle postazioni per consultare singolarmente i documenti conservati.

 

espandi

pubblicato il 20 Settembre 2014

Inserisci un commento

Nessun commento

E' LA MIA TERRA! 2013

ILLUSTRARE LA VITA

Elena Turetti

Nicola Ballarini è sicuramente uno che illustra la vita. Guarda alle cose come esseri animati, ai fenomeni come racconti illustrati, guarda alla Valle Camonica, a quella di tutti i giorni e di tutte le ore, come ha un enorme riserva di storie. E' proprio lì, sotto i nostri occhi la prossima storia, ma nessuno la sa vedere se non Nicola. A E' la mia terra presenterà due video STA PER ARRIVARE IL TEMPO fatto con e per Ettore Giuradei e IL MONDO DI ZURLA fatto con e per i WK569.

Ne ho fermato alcuni frame che meglio di ogni descrizione ci raccontano dove può arrivare il suo lavoro. 

espandi
espandi
espandi
espandi
espandi

pubblicato il 11 Ottobre 2013

Inserisci un commento

Nessun commento

E' LA MIA TERRA! 2013

PAESAGGI ARCANI

Elena Turetti

espandi

A quota 3000, il cielo è un tutto, la montagna è un altro tutto. L'oro bianco e altri racconti è un film di Lorenzo Apolli, l'oro bianco è l'acqua, ma gli altri racconti, uno accanto all'altro, talvolta uno dentro l'altro o che si nascondono l'un l'altro sono davvero molti. E allora vien voglia di aprirli e guardarci dentro.

Le rovine di un paese QUALE? sorgono sul fondale di un lago QUALE? formatosi artificialmente COME? con la costruzione di una diga: le case ormai sono muri scrostati, ruderi che ciclicamente riappaiono quando il lago viene svuotato PERCHE'? indizi consumati di una comunità la cui storia è stata estinta; forse servono là sotto da riparo solo alle correnti. A volte sembra che una campana dal campanile di quella che fu la chiesa, sorda, rintocchi QUANTE VOLTE AL GIORNO? I due giovani guardiani chi sono? dello sbarramento idroelettrico attendono alle loro mansioni quotidiane. Il cielo è un tutto, la montagna un altro tutto; entrambi si specchiano nell'acqua verde del lago. Un battaglione alpino si prepara a un pericoloso attacco a quota 3000. QUANDO? Ogni salto di roccia raggiunto, dal fondo della valle alle cime più alte, rappresenta un passo verso l'inizio dello scontro. A quota 3000 metri ogni giorno è identico a un altro. Nemmeno il trascorrere del tempo QUANTO TEMPO E' TRASCORSO con i cambiamenti che porta con sé determina qualche diversità, qualche autentico mutamento.

espandi

pubblicato il 11 Ottobre 2013

Inserisci un commento

Nessun commento

É LA MIA TERRA! 2013

SUBITO ENERGIA

Elena Turetti

Qui suono e immagine si incontrano, in un punto preciso. Dove? Non lo so. Ma potrei spiegare come ed elencare i mezzi e i modi per farlo. Quel che mi sembra rilevante è che nessuno abbia la meglio, non arrivano prima le immagini e poi i suoni, le nostre orecchie non hanno la meglio sui nostri occhi, e il lavoro di Federico Troncatti compositore, di colui a cui è affidato il trattamento hardware e DSP Ezio Martinazzi, di colui che si occupa dei segnali audio Piero Villa, di colui che ha girato le immagini si rapprende in una sola materia; una materia che sa di meccanica di precisione. Mi sembra di potervi rintracciare qualche lontanissima parentela con l'intonarumori che Russolo costruisce nel 1913 per l'orchestra futurista, una bizzarra macchina in grado di governare sei famiglie di rumori: rombi, tuoni, fischi, sibili, bisbigli, mormorii, stridori, scricchiolii, percosse su metalli, legni, pelli, voci di bestie e di uomini; seppur nel frattempo sia successo di tutto. Son certa che mettere al mondo una materia, che comporre sia un mestiere incredibile, mi rassicura l'idea che Subito Energia sia ancora un esito da craftman.

espandi
espandi

pubblicato il 10 Ottobre 2013

Inserisci un commento

Nessun commento